0
  • No products in the cart.

Neurobiologia Interpersonale & EMDR

Teoria dell’Attaccamento, ovvero quanto l’Amore sia fondamentale per avere una vita soddisfacente e felice

“I Traumi cambiano non solo il modo di pensare e ciò che pensiamo, ma anche l’effettiva capacità di pensare. Cambiano la capacità di sentire il tuo corpo e il tuo mondo interno e di percepire la realtà.
Cambiano tutto ma Tu non lo sai. Vivi una vita dolorosa e faticosa e credi di non avere alternative, di essere più sfortunato degli altri, ma non è così, tutto può essere cambiato, tutto può essere trasformato, se accetti di entrare nel tuo mondo interiore per andare a mettere a posto credenze, schemi mentali e visioni di te e della tua vita disfunzionali, perniciose e limitanti.”

Sono specializzata sulla risoluzione dei traumi, che inficiano la nostra esistenza, molto spesso in modo subdolo.
Lavorare sui traumi permette di trasformare il passato, il presente e il futuro, recuperando il tuo futuro perduto, cioè quelle potenzialità, quei talenti, quella volontà che le deprivazioni affettive del tuo passato hanno messo giù in cantina, obbligandoti a dimenticarle.

Ma cosa significa trauma?

Trauma è sinonimo di violenza, di sopraffazione, di dolore non contenibile e trasformabile senza aiuto. E’ qualcosa che rompe il tuo meccanismo di autoregolazione emotiva e fisica e compromette la capacità cognitiva, empatica e di connessione con il tuo mondo interno ed esterno.
E’ un’esperienza sopraffacente, che influenza le sensazioni intime, le relazioni e la realtà.

Ci sono due tipi di trauma: quello a T maiscola, rappresentato da esperienze uniche e catastrofiche come terremoti, incidenti aerei o di treni, guerre, violenze di gruppo, tsunami; e quello a t minuscola in cui si è costretti a subire situazioni di sopraffazione, di costrizione, di ingiustizie nella realtà quotidiana, in modo ricorrente.
Scrive Bessel van der Kolk, uno dei più importanti pionieri sulla ricerca e sul trattamento dello stress traumatico :

“Il trauma non è solo un evento accaduto una volta nel passato, ma un’impronta lasciata da quella esperienza sulla mente e sul corpo.
Quest’impronta ha continue conseguenze sul modo in cui l’organismo umano gestisce la vita quotidiana nel presente.
Cambia non solo il modo di pensare e ciò che pensiamo, ma anche l’effettiva capacità di pensare. Abbiamo scoperto che aiutare le vittime di trauma a trovare le parole per descrivere ciò che è accaduto loro è profondamente significativo ma spesso, non è sufficiente. L’azione di raccontare la storia non modifica necessariamente le risposte fisiche ed ormonali automatiche del corpo, che rimane ipervigile, o congelato e coartato.”

Perché avvenga un reale cambiamento, il corpo ha bisogno di apprendere che il pericolo è passato e di vivere nella realtà del presente.
Per molte persone la violenza, la sopraffazione ha inizio in casa: ogni anno circa tre milioni di bambini negli Stati Uniti, sono registrati come vittime di abuso infantile e di neglect. Questo è particolarmente tragico, perché è molto difficile guarire i bambini quando l’origine del terrore non è un nemico da combattere, ma i loro stessi genitori.
Oggi è risaputo che più della metà delle persone che richiedono aiuto psichiatrico è composta da persone che sono stati aggrediti, abbandonati, trascurati, o addirittura violentati, da bambini o che sono stati testimoni di violenza domestica.”

Lavorare sulle conseguenze di deprivazione affettiva e di traumi è la base del mio lavoro. La maggior parte della sofferenza umana è legata all’amore e alla perdita, al sentirsi privi di speranza e impotenti.
Una volta adulti le maggiori cause di sofferenza sono le bugie che ci raccontiamo, negando la realtà emotiva e le sensazioni interne che cercano di aiutarci ad uscire dalle letali menzogne.
Poiché le persone non possono cambiare e migliorare senza sapere ciò che sanno e senza provare ciò che sentono. Riconoscere ciò che sappiamo nel profondo e ciò che sentiamo visceralmente è Guarigione.
Il bisogno di contatto, di conforto, di rassicurazione e allo stesso tempo di esplorazione e di creatività sono di basilare rilevanza per la vita di tutti noi. Il mancato ascolto, il mancato riconoscimento di questi bisogni spiritobiologici portano ad una vita di stenti.

I traumi si esplicano e si addensano nel corpo e si può essere pienamente responsabili della propria vita solo se si riconosce la realtà del proprio corpo, in tutte le sue dimensioni viscerali.
L’ippocampo, importante struttura della memoria, risente molto della deprivazione affettiva e della sofferenza portandone le conseguenze
anche in età adulta.
Abituarsi alla sofferenza cronica mantiene gli ormoni dello stress attivati costantemente e questo crea problemi di memoria e di attenzione, irritabilità e nervosismo, problemi del sonno.
Persone con tali problematiche fanno molta fatica a contattare il loro mondo interiore perché non riescono a stare calme e tranquille in ascolto di loro stesse: stare in relazione con se stessi crea ansia, tensione e rifiuto; e così viene bloccato l’accesso alla realtà interiore, che è quella che poi in realtà crea la realtà esteriore.
Lavorare sul dolore delle persone significa aiutarli a ricordare, a divenire consapevoli delle Ferite dell’Amore, e capire che sono persone diverse da quello che credono, che il dolore e la paura non sono i loro padroni, che possono avere potere sulla loro vita, partendo dall’acquisire capacità di autoregolazione emotiva e fisica fino all’integrazione delle parti interne e al sentirsi radicati e presenti nella vita quotidiana.
Questa è la mia Mission, ovvero il Mandato Celeste della medicina Cinese.

Vuoi scoprire di piu’ sull’ EMDR?

Qui potrai trovare un articolo del mio blog sull’importanza della Mindfullness: Clicca qui 

Leggi quest’articolo molto interessante sull’EMDR, edito della Stampa: Clicca qui

Inoltre, puoi trovare tutte le news ed informazioni sulla pagina ufficiale dell’EMDR Italia: Clicca qui

Share via: