0
  • No products in the cart.

  • 0
  • No products in the cart.

  • Le Ferite Primarie sono esperienze affettive patologiche che si prolungano nel tempo.
    Il periodo più esposto è dalla gestazione a circa i dieci anni.
    Quando i bisogni primari non sono soddisfatti si formano le ferite.
    Esse distruggono la nostra predisposizione biologica alla fiducia, all’amore, alla condivisione.
    E restano impiantate dentro di noi anche in età adulta finchè non decidiamo di guardarci dentro e di affrontare la sofferenza che esse procurano ma che ci si ostina a negare.
    Il grande Joe Dispenza ci ricorda che:
    “Non puoi creare il tuo futuro se non superi il tuo passato”

    Ecco il nostro compito per i prossimi anni è superare il nostro passato e RITROVARE LA NOSTRA VERITÀ.
    Per fare questo dobbiamo riconoscere che non ci basta più sopravvivere ma che invece vogliamo VIVERE. Per fare ciò dobbiamo uscire dagli stili adattivi che ci hanno permesso di adattarci a condizioni relazionali non funzionali alla nostra felicità, alla nostra autenticità, alla nostra espressività più sincera e creativa.
    Diversi sono i temi che affrontiamo, fra questi le Tre P: la Placenta, il Preverbale, il Potere collegato all’intensità e all’energia vitale.
    Il compito della nostra vita è di rendere conscia una parte sempre maggiore di inconscio per ritrovare la nostra verità e la nostra creatività.

    Visualizzazione del risultato

    Show Grid: 3 4 5
    Copyright © 2024 Cinzia Contarini, Via Condino Tesei n. 6, 47121 Forlì - P:I:03109150403 - All Rights Reserved